Ecco perché scrivo recensioni finte: i retroscena del mondo delle fake review

ecco perché scrivo recensioni false

Prodotti gratuiti e compensi in denaro: ecco perché le persone scrivono recensioni false.


Il mondo delle recensioni false online è più vasto di ciò che potremmo pensare. Infatti tantissime persone al mondo “si dilettano” a scriverle, soprattutto per guadagnare, nelle piattaforme che non possono o non vogliono garantire la verifica manuale di ogni singola recensione. Eppure le recensioni autentiche sono fondamentali per garantire la sicurezza d’acquisto, affinché i consumatori sappiano cosa aspettarsi realmente da un ordine sul web, da un negozio online e dai suoi prodotti.

Per questo motivo noi di eShoppingAdvisor.com abbiamo lavorato fin da subito sulla veridicità di tutte le recensioni pubblicate sulla nostra piattaforma. Leggendo le opinioni dei nostri utenti riguardanti l’esperienza d’acquisto dagli e-commerce, i consumatori sanno che:

  • i feedback verificati sono stati letti e autenticati dal nostro team in modo che le recensioni false vengano escluse;
  • le recensioni certificate provengono da un acquisto verificato. Il bollino di recensione certificata va solo ai feedback accompagnati da una prova d’acquisto o scritti in seguito all’invito degli e-commerce (che viene inviato, in automatico, dopo alcuni giorni dall’ordine effettivo).

Sono però moltissime le piattaforme che non garantiscono la sicurezza delle recensioni e sulle quali, purtroppo, pullulano le recensioni false. Amazon è una di queste, ma non è la sola.

Oggi vogliamo metterti al corrente dei motivi che spingono le persone a scrivere recensioni false. Ti parleremo, in particolare, di testimonianze lasciate da diverse persone a BBC News. Queste persone hanno raccontato all’emittente tutti i dettagli sul perché scrivano fake reviews per i venditori online, ma anche su come i venditori stessi utilizzino stratagemmi particolari per raccogliere recensioni completamente fasulle.

Perché le persone scrivono recensioni false?

il sistema delle recensioni false

Un uomo intervistato da BBC News dice di scrivere recensioni false durante il tempo libero per guadagnare qualcosina in più rispetto al profitto del suo vero lavoro. Da creme anestetizzanti, a film indipendenti a eBook, le recensioni di Iain coprono una vasta gamma di prodotti che acquista veramente.

Iain infatti testimonia che gran parte dei recensori fasulli su Amazon sono pagati dai venditori stessi per acquistare il prodotto e poi scrivere una recensione a riguardo, in modo che sulla piattaforma il feedback risulti come “Acquisto verificato”.

La soluzione secondo lui? Non fidarsi delle 5 stelle su Amazon ma andare a indagare maggiormente sui feedback delle persone.

Noi, dal canto nostro, ti consigliamo di:

  • fidarti solo delle piattaforme di recensioni esterne e indipendenti dai siti, come eShoppingAdvisor.com;
  • evitare i grandi players che non possono effettivamente controllare ogni recensione pubblicata sulla loro piattaforma.

Non a caso il sito di Amazon è inondato di recensioni completamente false, ovviamente a 5 stelle, per articoli di marche completamente sconosciute.

Il fondatore della piattaforma, Jeff Bezos, ha annunciato di aver implementato su Amazon una tecnologia automatizzata per eliminare i feedback falsi e di aver investito risorse importanti per proteggere il sistema di recensioni. Evidentemente questa tecnologia non funziona molto bene, perché su Facebook dilagano i gruppi di persone pagate dai venditori di Amazon Marketplace per scrivere recensioni false.

Ne abbiamo parlato nei dettagli in questo approfondimento: Amazon e recensioni finte: Zachary Crockett ci svela la Fake Review Economy.

C’è un altro modo con cui i commercianti che vendono i loro articoli su Amazon si guadagnano recensioni “verificate”. In questo caso, però, lo fanno senza il consenso dell’acquirente.

“Brushing”, il nuovo sistema con cui i venditori di Amazon ottengono recensioni false.

Recentemente alcuni venditori della piattaforma Amazon hanno adottato un nuovo sistema per raccogliere eccellenti recensioni, false ma allo stesso tempo verificate e dunque all’apparenza autentiche. Questo sistema è chiamato Brushing e consiste in un vero e proprio reato.

I venditori (o chi per loro) riciclano l’indirizzo e il nominativo di alcuni utenti che possiedono un account su Amazon, compiendo una gravissima violazione dei dati personali, e creano degli account falsi utilizzando proprio questi dati. Dagli account compiono poi degli acquisti sulla loro stessa vetrina e spediscono gli articoli alla persona a cui hanno rubato l’identità.

In seguito all’acquisto fasullo, i venditori scrivono una recensione completamente falsa riguardante gli articoli ordinati. Il feedback risulta autentico in quanto presenta la prova d’acquisto, e nel frattempo molte persone ricevono a casa della merce “in omaggio” completamente inaspettata e indesiderata.

Questo non deve farti perdere fiducia nello shopping online, ma dovrebbe comunque metterti in guardia dall’acquisto su grandi piattaforme che non hanno controllo sui milioni di venditori in esse presenti. Inoltre vogliamo caldamente consigliarti di non scrivere mai e poi mai recensioni false.

Leggi anche Fake reviews: 10 segni distintivi che devi conoscere per scovare una recensione falsa se vuoi capire come riconoscere questi feedback e quindi come evitarli!

Perché non scrivere mai recensioni false?

Prima di tutto devi sapere che scrivere recensioni false è un reato. Di recente un tribunale di Lecce ha condannato un ragazzo a 9 mesi di reclusione e al pagamento di circa 8.000 euro (ovvero quanto guadagnato dalle recensioni false) per il reato di sostituzione di persona.

Il giovane era stato segnalato da TripAdvisor, dunque dalla stessa piattaforma in cui scriveva le recensioni: i gestori del sito hanno notato una serie di recensioni inviate da diversi account ma sempre dallo stesso computer. Dunque l’indirizzo IP rimaneva identico, ma le recensioni nei confronti di un ristorante – feedback che si prodigavano i lodi verso la struttura – provenivano da account differenti.

Questo comportamento, una vera e propria frode, danneggia la concorrenza e viola le normative delle piattaforme di recensioni, come eShoppingAdvisor.

Inoltre va completamente contro i motivi per cui sono nate le recensioni online. I feedback dei clienti, sia per quanto riguarda gli e-commerce che per quanto riguarda le strutture fisiche, nascono per supportare le aziende, consigliare virtualmente i consumatori e allo stesso tempo metterli in guardia dalle truffe. Sono uno strumento semplice da consultare e fruibile in qualsiasi momento per prendere decisioni sia su Internet che nella cosiddetta “vita reale”.

Se scrivi recensioni false aiuti venditori disonesti e vanifichi i risultati ottenuti finora grazie alle opinioni delle persone sul web! Allora non pensarci neanche e scrivi solo recensioni autentiche su eShoppingAdvisor.com. Lavora anche tu affinché lo shopping online sia sempre più sicuro.

Fonti:

Pubblicato in B2C

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto sul blog eShoppingAdvisor!