Prezzi (troppo) bassi sul sito di Primigi, era un clone: ecco la truffa

truffa online del sito clone Primigi

Truffe online ai tempi del Covid-19: chiuso dalla Polizia Postale il sito clone di Primigi.


Durante il periodo di quarantena per il Coronavirus, le truffe online sono aumentate in maniera esorbitante. Il motivo è molto semplice: il Covid-19, per via della chiusura dei negozi, ha avvicinato tantissime persone allo shopping sul web. Molti utenti, non avvezzi agli acquisti su Internet, si facevano ingannare dalle super offerte proposte dai siti e dalle pagine creati ad hoc per frodare, come l’e-commerce che vendeva mascherine alle aziende e poi non le consegnava.

I truffatori non hanno scrupoli, tant’è che sono arrivati addirittura a clonare un sito per abbigliamento per bambini, Primigi.it. Nonostante i negozi per bambini fossero chiusi per via del lockdown, i genitori avevano comunque la necessità di acquistare tutto il necessario per i propri figli. Consideriamo anche che i neonati crescono a vista d’occhio e che una tutina che calza bene a febbraio di solito è già stretta a marzo: i bambini, specialmente i più piccoli, hanno bisogno di un ricambio di abbigliamento molto più frequente rispetto agli adulti.

C’è, dunque, chi ha approfittato delle esigenze dei neo-genitori realizzando l’esatta copia della piattaforma ufficiale di Primigi… Con qualche differenza.

Oggi vogliamo parlarti proprio del sito clone di Primigi, per poi darti delle importanti indicazioni riguardo come evitare e come riconoscere le truffe online.

Infatti la nostra piattaforma, eShoppingAdvisor.com, nasce proprio con l’intento di rendere lo shopping online sempre più sicuro, proteggere i consumatori dalle truffe sul web, aiutarli a scegliere con sicurezza l’e-commerce da cui acquistare e supportare i negozi online reali, trasparenti e onesti (specialmente le piccole realtà che faticano a crescere per via dei grandi players).

Iscriviti subito per scrivere la tua opinione riguardo i negozi online da cui hai acquistato negli ultimi tempi!

Sito clone Primigi con offerte irresistibili: ecco come attirava i consumatori nella trappola.

Sito clone Primigi con offerte irresistibili

Il sito fasullo di Primigi pubblicava annunci online che pubblicizzavano sulle piattaforme social articoli super scontati, a prezzi davvero irrisori – come testimoniato sul portale della Polizia Postale -. Naturalmente, affinché il tranello risultasse veramente perfetto, il sito clone era del tutto identico a quello originale, sia nel logo che nelle immagini.

La differenza erano i prezzi: rispetto all’azienda reale, il costo dell’abbigliamento per bambini sul sito clone era davvero basso grazie a eccellenti sconti (imperdibili quanto falsi).

In questo modo le persone, navigando sui social, avrebbero visto l’annuncio che riportava gli articoli in promozione e, dopo averci cliccato sopra, sarebbero cadute nella trappola portando a termine l’acquisto.

I siti clone, che si tratti di Primigi o di un’altra azienda, non sono rivenditori ufficiali del marchio: sono pagine realizzate ad hoc per vendere prodotti che non arriveranno mai a casa degli acquirenti. Dopo aver incassato una grande quantità di denaro chiudono i battenti e chi si è visto si è visto… Anche se per fortuna la Polizia Postale riesce a risalire agli indirizzi IP e ai server utilizzati dai truffatori o a intervenire in tempo prima che compiano i furti.

Così è successo al sito in questione, segnalato alla Polizia Postale direttamente dall’azienda Primigi e chiuso, così sembra, prima che potesse far danni. La Polizia Postale lo descrive infatti come “ennesimo tentativo di truffa sulla Rete”, dunque pare che chi ha aperto il sito fasullo non abbia fatto in tempo a mettere a punto la frode.

È probabile che ti stia passando la voglia di fare shopping online, ma in realtà ci sono dei comportamenti che dovresti adottare ogni giorno, quando navighi sul web, al fine di non cadere mai nella trappola. Passa al seguente paragrafo per leggere numerosi consigli a riguardo!

Leggi anche: Zero recensioni: La mega truffa delle mascherine online (mai consegnate)

Come evitare di cadere nelle trappole architettate da siti truffa come il clone di Primigi

come evitare truffe online come sito clone Primigi

Riconoscere le truffe online è più semplice di quanto tu possa pensare. Prima di tutto ricorda che devono avere un’esca con la quale acchiappare e trarre in inganno i consumatori: tale esca è il prezzo degli articoli, sempre scontatissimo rispetto al costo originale dei prodotti.

Qualora fossi incappato nel sito clone Primigi avresti notato sconti di oltre il 70% su tutta nuova collezione, più ulteriori sconti al momento dell’iscrizione alla newsletter. Sono prezzi che un’azienda, specialmente durante periodi di difficoltà come la pandemia di Coronavirus, non potrebbe assolutamente permettersi.

Dunque il primo indizio che dovrebbe farti insospettire è proprio questo: annunci, di solito sui social come Instagram, Facebook e Tik Tok, che mostrano incredibili (ed eccessivi) ribassi sui prezzi originali degli articoli.

Se incappi in un sito dopo aver cliccato su annunci di tal genere, e ogni qualvolta ti piacerebbe acquistare da un e-commerce che non conosci, verifica subito le recensioni su eShoppingAdvisor.com scrivendo il suo indirizzo web nella barra di ricerca della nostra home page.

Se gran parte delle recensioni sono negative… Ovviamente lascia perdere. Qualora invece non ce ne fossero proprio, inizia a sospettare e scrivi l’indirizzo web del sito, accompagnato dalla dicitura “recensioni”, su Google. Se non trovi feedback a riguardo lascia perdere, perché sicuramente è un sito creato in fretta e furia per truffare le persone. In alternativa potresti trovare numerose recensioni negative o recensioni false, e anche in questo caso sai cosa fare: non concludere l’acquisto.

Hai ancora dei motivi per cui comprare da quell’e-commerce? Allora verifica il numero di Partita Iva, che dovrebbe essere obbligatoriamente esposto sulle pagine. I siti truffa non lo hanno o presentano un numero di Partita Iva fasullo. Se il potenziale e-commerce truffaldino ne possiede uno, puoi verificare la sua autenticità in modo semplice e veloce nell’apposita pagina del sito dell’Agenzia delle Entrate: Verifica Partita Iva.

È probabile che quella Partita Iva sia inesistente, scaduta o appartenga a un’altra azienda.

Un altro indizio che potrebbe farti insospettire è la trascuratezza delle pagine del sito, spesso scritte in maniera totalmente sgrammaticata o per metà in inglese o in un’altra lingua e per metà in italiano. Sono contenuti creati velocemente per dare consistenza al negozio online e far credere che sia autentico.

Riconoscere un sito truffa è semplice e piano piano ci prenderai la mano. Ricorda che il primo passo da fare è verificare i feedback delle persone che hanno già acquistato da quel negozio online: inizia subito a utilizzare eShoppingAdvisor.com sia per leggere che per scrivere recensioni e vedrai che non lo abbandonerai più!

Pubblicato in B2C

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto sul blog eShoppingAdvisor!