Come fare acquisti online sicuri e senza rischi: l’e-shopper 3.0.

I dati e le statistiche in tutto il mondo ormai sono unanimi nel dire che gli acquisti online stiano guadagnando  percentuali sempre maggiori a discapito del commercio tradizionale; di contro gli atteggiamenti del consumatore medio rispetto a questa scalata sono tra i più vari e sorprendenti. C’è chi già effettua la maggior parte dei propri acquisti sul web, e c’è chi invece mal sopporta questa tipologia di evoluzione digitale…. ma la strada, anche per i nostalgici, appare già tracciata.

Una strada in cui anche i brand di categorie merceologiche insospettabili stanno cominciando ad affacciarsi, consapevoli degli enormi vantaggi di scala ed economici che internet permette.

Ma, come in qualsiasi settore e qualsiasi città del mondo, i “furbetti” sono arrivati anche sul web, con tanti metodi e strategie truffaldine ai danni del consumatore finale.

Però c’è una buona notizia, siamo nel Web 3.0 già da tempo ed è quindi possibile trovare online le informazioni necessarie per evitare o perlomeno minimizzare le conseguenze a seguito delle nostre “passeggiate” nei negozi digitali.

Noi di eShoppingAdvisor cerchiamo ogni giorno di fornirvi i consigli e gli strumenti utili ad effettuare i vostri acquisti in serenità e anche con questo post abbiamo cercato di radunare qualche semplice informazione e regola per essere un buon “e-shopper 3.0”

Le minime tutele preventive

Tutte le nostre attività on line ci espongono a rischi che mettono a repentaglio la sicurezza dei nostri dati sensibili e della nostra privacy.  Ciò è ancora più vero se ci riferiamo agli acquisti effettuati via web. Per tutelarsi nella nostra veste di utenti, esistono però dei semplici passaggi da seguire per evitare truffe o altre brutte sorprese. La sicurezza dei pagamenti in Rete è fatta di scelte accurate da parte dei negozianti ma anche di verifiche da parte degli acquirenti.

Cosa c’è da sapere: i consigli di eShoppingAdvisor

Anche nel caso ci si stia affidando a siti di ecommerce rispettabilissimi,  il rischio che i nostri dati vengano intercettati nel traffico è sempre presente. Quando però immettiamo i dati del pagamento (numero di carta credito, PIN riservati ecc), questi vengono automaticamente criptati, e dunque convertiti in un formato difficile da leggere.

Un importante protocollo di tutela è certamente il certificato SSL (Secure Socket Layerche provvede a criptare le informazioni che viaggiano in rete: dai dati anagrafici in fase di registrazione (nome utente, data di nascita, indirizzo mail, numero di cellulare) all’accesso con login, dal pagamento (digitazione dati bancari) all’immissione di file in allegato. Infine, è bene tenere in considerazione il fatto che gli istituti bancari tutelano i propri clienti contro i rischi di addebito illecito su carta di credito.

Prima e durante: Acquistare sul web senza brutte sorprese

Leggere le informazioni relative al pagamento sui siti ecommerce con molta attenzione e se qualche particolare non dovesse risultare chiaro, non esitare a contattare il negozio tramite telefonata al servizio clienti, chatbot o anche mail; la celerità e la completezza della risposta sarà un ottimo elemento per valutare la serietà dell’ecommerce. Diffidare sempre da chi chiede privatamente i dati di pagamento della carta di credito.

Assicurarsi che il sito segua i protocolli di sicurezza internazionale. Se l’ecommerce è protetto con SSL il suo indirizzo (URL) inizierà con HTTPS  e se nella barra di indirizzo apparirà un lucchetto, sarà una preziosa garanzia.

Controllare le recensioni rilasciate dagli altri clienti è un altro importante tassello per giudicare  la serietà del negozio anche in termini di sicurezza nei pagamenti. Per essere certi che tutto sia in regola, verificare che nei feedback rilasciati non sia fatto cenno a disguidi nei checkout.  Controlla dunque la presenza del negozio in piattaforme di recensioni verificate ed esterne ai siti di ecommerce come eShoppingAdvisor.com . Sono queste ad assicurare una maggiore garanzia in termini di libertà dei giudizi super partes e a specificare le voci più importanti; per eShoppingAdvisor, per esempio, il sistema di pagamento è il terzo elemento sul quale basare una recensione, dopo la facilità di esecuzione dell’acquisto e la qualità del prodotto/servizio. Seguono poi velocità di spedizioneassistenza clienti ed esperienza generale di acquisto. In alternativa, verifica le recensioni negli account Facebook e in Google.

Evitare di fare acquisti in computer pubblici o condivisi da più utenti. Il rischio di lasciare tracce dei nostri passaggi in dispositivi che non ci appartengono è elevato; così come la possibilità che le password vengano memorizzate nostro malgrado. Idem quando si naviga da propri dispositivi, ma attraverso Wi Fi pubblici. Se proprio avete individuato un oggetto o un servizio importante per voi, meglio prendere un appunto e procedere da casa o, se proprio non si può aspettare, dal proprio cellulare. Mai avere fretta.

Meglio affidarsi a sistemi  di pagamento che offrano garanzie a livello internazionale, soprattutto se acquistate anche da siti esteriPayPal è di certo un buon esempio, in quanto garante sia degli acquirenti che dei venditori, così come lo è Google Wallet, e se proprio dovete usare una carta di credito, cercate di attivarne una ricaricabile e con una disponibilità molto limitata, e perciò non collegata al proprio conto corrente o, peggio ancora, ai risparmi di famiglia.

Una volta effettuato il pagamento, abbiate sempre cura di stampare la ricevuta, o anche di fare uno screenshot dell’avvenuto pagamento direttamente dallo schermo del computer o dal cellulare.

Massima attenzione anche per il conto corrente; controllatelo spesso per assicurarvi che non ci siano spese addebitati alla carta di credito non riconducibili a vostre operazioni on line.

La lista delle precauzioni per effettuare pagamenti sicuri on line è lunga, ma in verità si tratta di imparare alcuni accorgimenti una volta per tutte. Scegliere la garanzia dei negozi recensiti da utenti che hanno già fatto l’esperienza d’acquisto, è tra le verifiche più semplici da effettuare.

Ma gli acquisti su siti esteri meritano un capitolo a parte

Comprare su siti esteri spesso significa trovare articoli non ancora disponibili in Italia o addirittura in Europa. Ma quali sono gli accorgimenti da adottare per non imbattersi in truffe o anche solo in acquisti troppo complicati e poco convenienti?

eShoppingAdvisor ha stilato un decalogo di sicurezza che si rivelerà molto utile per il compratore, soprattutto per chi non ha mai fatto quest’esperienza.

  1. Conoscere la lingua straniera utilizzata dall’eshop: Ce la caviamo benone con l’inglese, magari comprendiamo abbastanza lo spagnolo, ma come ce la caveremmo con siti tedeschi o dell’Est Europa? Non disperiamo. In questi casi può bastare uno strumento alla portata di tutti come Google Translate. Se la merce vi interessa davvero, amatevi di pazienza e procedete. Potrebbe rivelarsi estremamente necessario nel caso qualcosa non dovesse andare per il verso giusto, e se doveste essere costretti a confrontarvi con un venditore privato.
  2. Quantificate per bene le spese di spedizione internazionale: Sì, nel sito ecommerce che avete adocchiato è prevista l’international shipping. Ma quanto vi costerà? Fate soprattutto attenzione alle eventuali spese di dogana se il Paese straniero è extraeuropeo. Spesso si tratta di una tassa impossibile da calcolare (di certo non lo potrà fare il venditore, perché una materia che non lo riguarda) che pareggia o addirittura supera il costo della merce. È questo il vero grande ostacolo degli acquisti nei siti americani.
  3. Scegliete la tracciabilità: Anche se la spedizione semplice costa meno, vi consigliamo di optare per quella facilmente tracciabile on line. Potrete così seguire il pacco ed individuare eventuali problemi di spostamento.
  4. Controllare le condizioni di reso: Non bisogna cadere nell’errore del pensare che le regole siano uguali per tutti. Ogni Paese ha i suoi tempi e le sue modalità di reso. Non date per scontato che la spese di spedizione siano a carico del venditore, anzi, di solito risulteranno a carico dell’acquirente. Controllate bene la return policy.
  5. Leggere le recensioni: Il sistema delle recensioni (possibilmente esterne come quelle garantite da eShoppingAdvisor) è un’ottima bussola per orientarsi sulla credibilità dei venditori. Valutate per bene le esperienze degli acquirenti che sono arrivati prima di voi.
  6. Calcolate il cambio valuta: Sembra un consiglio scontato, ma invece il calcolo della valuta non sempre viene effettuato con cura dall’acquirente. Su internet ci sono centinaia di siti o di applicazioni che calcolano il cambio del giorno con estrema precisione.
  7. Verificate i parametri di sicurezza: Controllate che al momento dell’acquisto i tuoi dati siano davvero al sicuro. Acquistate solo su siti protetti da sistemi di sicurezza internazionali come SSL e SET; li riconoscerete dal simbolo di un lucchetto chiuso nella barra di indirizzo.
  8. Scegliete di metodi di pagamento sicuri: Meglio scegliere sistemi a prova di truffa come PayPal che permette di scambiare pagamenti senza comunicare le proprie coordinate bancarie. Un altro metodo sicuro è il contrassegno o il bonifico, ma i tempi sono lunghi.
  9. Puntate ai grandi store on line: Da Macy’s a Gap, da Etsy (un portale chicca per chi ama i creativi di tutto il mondo) a Think Geek. Con questa tipologia di shop potete contare sulla garanzia di un sistema rodato anche per le spedizioni internazionali.
  10. Attenzione ai fake: Acquistando in siti sconosciuti o registrati in Paesi extraeuropei, spesso ci si espone più facilmente alla merce contraffatta. E oltre al danno la beffa: il consumatore potrebbe essere multato per incauto acquisto ex. art. 712 codice penale. Come ci si difende in questi casi? Affidandosi prima di tutto al buon senso. Se una borsa griffata costa meno della metà fatevi qualche domanda.

BONUS: ancora dubbi? Provate a localizzare con Google Maps l’indirizzo della sede dell’impresa. Dovreste rendervi conto se si tratta di un’area commerciale vere e propria o un indirizzo improvvisato.

Il dopo: Prodotti difettosi

Purtroppo è successo. Il prodotto che hai ordinato on line è arrivato in tempo, ma è difettoso. Che sia un libro mancante di pagine o una camicia macchiata, un rossetto senza sigillo o un auricolare che non funziona, il primo pensiero dell’ acquirente corre subito al timore di essere stato vittima di una truffa. In verità non sempre è così. Se da un lato è vero che i siti più seri di ecommerce raramente saltano la fase di controllo dell’oggetto prima della spedizione, dall’altro l’errore umano può sempre accadere. E le trappole possono nascondersi ovunque, come negli acquisti effettuati nei negozi fisici.

Cosa fare in quel caso?

Per prima cosa è necessario controllare immediatamente l’acquisto una volta ricevuto, prima che trascorra il tempo massimo entro il quale richiedere il rimborso o la sostituzione al negoziante. La legge indica che il difetto di conformità venga denunciato dal cliente al venditore entro il termine di due mesi dalla data in cui è stato scoperto il vizio del prodotto, ma esistono anche altre scadenze da tenere in considerazione.È inoltre necessario che il cliente sia in possesso della prova d’acquisto, ossia lo scontrino, che rappresenta in sé la vera e propria garanzia per il compratore. Può andare bene anche la ricevuta della transazione on line, con un sistema carta di credito, Pay pal o simili.

Non è la casa produttrice dell’oggetto la responsabile del difetto, ma il venditore.  È assolutamente necessario tenere in mente questo particolare fondamentale: sarà infatti il portale, o negozio, impresa grande o piccola, a rimborsare o sostituire l’oggetto difettoso. E le spese di restituzione? Non è raro che siano a carico del cliente ma quest’aspettodovrà comunque essere indicato con chiarezza al momento dell’effettuazione dell’ordine on line.

Se una volta contattato l’ufficio clienti doveste riscontare difficoltà, rivolgetevi ad una associazione dei consumatori della vostra città. Infine, il consiglio di eShoppingadvisor.com è quello di prevenire il danno. Come? Controllando sempre le recensioni relative al negozio al quale vi affidate. Il valore del giudizio dei compratori che hanno effettuato un acquisto prima di voi è inestimabile. Puoi partecipare anche tu, gratis, alla creazione di una preziosa banca dati semplicemente iscrivendoti in veste di utente a eShoppingadvisor.com 

Una guida sugli acquisti online della Polizia Postale

C’è un documento gratuito e sempre disponibile on line, che in otto semplici punti mette in guardia i cittadini italiani dalle eventuali truffe nell’ambito degli acquisti digitali. Si tratta della “Guida sicura per gli acquisti on line” redatta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, che spiega passo dopo passo come difendersi dalle trappole disseminate sul web da pseudo venditori senza scrupoli.

Tra le indicazioni, più accomunate dal buon senso che da conoscenze avanzate dei meccanismi digitali, spicca la numero 4, e cioè “leggere sempre i commenti e i feedback di altri acquirenti”. Una conferma per chi, come la piattaforma eShoppingAdvisor, punta moltissimo sui feedback rilasciati dai clienti, all’esterno dei siti di ecommerce (e dunque super partes) . L’obiettivo è infatti costruire  un database fondamentale per la ricerca di eshop affidabili.

Recensire un acquisto è come fare passa parola

Il meccanismo al quale anche la Polizia fa riferimento, è legato a quell’antichissimo sistema di “passa parola” che da sempre contraddistingue il commercio tradizionale, e dunque fisico.

Prima di passare all’acquisto del prodotto scelto è buona norma leggere i “feedback” pubblicati dagli altri utenti sul sito – si legge nella Guida sicura per gli acquisti on line– che lo mette in vendita. Anche le informazioni sull’attendibilità del sito attraverso i motori di ricerca, sui forum o sui social sono utilissime… Le “voci” su un sito truffaldino circolano velocemente online! “

 La doppia affidabilità delle recensioni esterne

Se è vero che tutte le recensioni dei clienti su un negozio e la sua affidabilità sono importanti, lo sono doppiamente quelle che provengono dalle piattaforme esterne ai siti web di vendita, specializzate proprio nell’ ospitare le recensioni con la massima visibilità e la massima sicurezza. Nel caso di eShoppingAdvisor, prima piattaforma al mondo di recensioni esterne esclusivamente dedicate all’ecommerce, la veridicità delle recensioni è doppiamente garantita proprio dal sistema di verifica. A garanzia dei consumatori viene applicato il sistema di recensioni  certificate; le recensioni e le risposte, infatti, vengono analizzate in automatico dal sistema di gestione e pubblicate solo se rispondenti alle condizioni di utilizzo. Il sistema consente di verificare se il recensore ha effettivamente effettuato un acquisto online sul sito recensito, apponendo il sigillo di “recensione certificata” solo a questa tipologia di recensioni.

Inoltre, per aiutare gli utenti a individuare subito gli altri recensori più affidabili, eShoppingAdvisor.com ha lanciato la carriera del recensore un percorso stimolante che misura la credibilità dei feedback rilasciati sulla piattaforma.

Ecco la Guida sicura per gli acquisti on line della Polizia postale

 Se volete leggerla nella versione originale potete accedere direttamente alla fonte e scaricare il pdf, oppure mettetevi comodi e leggete con attenzione gli 8 punti salva acquisto.

  • 1.Utilizzare software e browser completi ed aggiornati

Potrà sembrare banale, ma il primo passo per acquistare in sicurezza è avere sempre un buon antivirus aggiornato all’ultima versione sul proprio dispositivo informatico. Gli ultimi sistemi antivirus (gratuiti o a pagamento) danno protezione anche nella scelta degli acquisti su Internet. Per una maggiore sicurezza online, inoltre, è necessario aggiornare all’ultima versione disponibile il browser utilizzato per navigare perché ogni giorno nuove minacce possono renderlo vulnerabile.

  • 2.Dare la preferenza a siti certificati o ufficiali

In rete è possibile trovare ottime occasioni ma quando un’offerta si presenta troppo conveniente rispetto all’effettivo prezzo di mercato del prodotto che si intende acquistare, allora è meglio verificare su altri siti. Potrebbe essere un falso o rivelarsi una truffa. È consigliabile dare la preferenza a negozi online di grandi catene già note perché oltre ad offrire sicurezza in termini di pagamento sono affidabili anche per quanto riguarda l’assistenza e la garanzia sul prodotto acquistato e sulla spedizione dello stesso. In caso di siti poco conosciuti si può controllare la presenza di certificati di sicurezza quali TRUST e VERIFIED / VeriSign Trusted che permettono di validare l’affidabilità del sito web. 

  • 3. Dietro ad un indirizzo di un sito deve esserci un vero negozio!

Prima di completare l’acquisto verificare che il sito sia fornito di riferimenti quali un numero di Partiva IVA, un numero di telefono fisso, un indirizzo fisico e ulteriori dati per contattare l’azienda. Un sito privo di tali dati probabilmente non vuole essere rintracciabile e potrebbe avere qualcosa da nascondere. I dati fiscali sono facilmente verificabili sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate:

https://telematici.agenziaentrate.gov.it/VerificaPIVA/Scegli.do?paramet er=verificaPiva

  • 4. Leggere sempre i commenti e i feedback di altri acquirenti

Prima di passare all’acquisto del prodotto scelto è buona norma leggere i “feedback” pubblicati dagli altri utenti sul sito che lo mette in vendita. Anche le informazioni sull’attendibilità del sito attraverso i motori di ricerca, sui forum o sui social sono utilissime… Le “voci” su un sito truffaldino circolano velocemente online!

  • 5. Su smartphone o tablet utilizzare le app ufficiali dei negozi online

Se si sceglie di acquistare da grandi negozi online, il consiglio è quello di utilizzare le app ufficiali dei relativi negozi per completare l’acquisto. Questo semplice accorgimento permette di evitare i rischi di “passare” o “essere indirizzati” su siti truffaldini o siti clone che potrebbero catturare i dati finanziari e personali inseriti per completare l’acquisto.

  • 6. Utilizzare soprattutto carte di credito ricaricabili

 Per completare una transazione d’acquisto sono indispensabili pochi dati come numero di carta, data di scadenza della carta ed indirizzo per la spedizione della merce.
Se un venditore chiede ulteriori dati probabilmente vuole assumere informazioni personali (numero del conto, PIN o password) che, in quanto tali, dovete custodire gelosamente e non divulgare. Al momento di concludere l’acquisto, la presenza del lucchetto chiuso in fondo alla pagina o di “https” nella barra degli indirizzi sono ulteriori conferme sulla riservatezza dei dati inseriti nel sito e della presenza di un protocollo di tutela dell’utente, ovvero i dati sono criptati e non condivisi.

  • 7. Non cadere nella rete del phishing e/o dello smishing

…ovvero nella rete di quei truffatori che attraverso mail o sms contraffatti, richiedono di cliccare su un link al fine di raggiungere una pagina web trappola e sfruttando meccanismi psicologici come l’urgenza o l’ottenimento di un vantaggio personale, riusciranno a rubare informazioni personali quali password e numeri di carte di credito per scopi illegali. L’indirizzo Internet a cui tali link rimandano differisce sempre, anche se di poco, da quello originale.

  •  8. Assicurare gli acquisti

Oltre che controllare i dettagli della transazione e le modalità di consegna, è importante scegliere sempre una spedizione tracciabile ed assicurata.
Il costo potrebbe essere di poco superiore ma permette di sapere in modo certo e tempestivo dove si trova l’oggetto acquistato fino alla sua consegna.

Non è poi così difficile orientarsi tra gli acquisti on line. Basta saper osservare con attenzione in caso di siti web sconosciuti, e affidarsi alla professionalità dei portali di ecommerce già rodati e ben recensiti.

Diventare un recensore di qualità nell’ambito dello shopping on line, significa contribuire alla comune sicurezza in ambito digitale.

Registrati gratuitamente su eShoppingAdvisor.com e diventa un recensore autorevole. Non solo potrai controllare i feedback sui negozi che più ti interessano, ma potrai contribuire in prima persona a costruire un’importante banca di informazioni a disposizione di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benvenuto sul blog eShoppingAdvisor!